Presenta...

Passionweb intervista Marco Vajani il Maestro del blues

Dalla ribellione al Blues, un percorso velocissimo verso il successo di un talento troppo grande per non diventare famoso.

Passionweb intervista Marco Vajani Il Maestro del blues
La prima volta che ho incontrato Marco al Porto Antico in Genova, mi ha colpito tutto di lui, il look così rigorosamente dark, la sua voglia di emergere, ma più di tutto la determinazione di chi è alla ricerca di qualcosa di grande. 
Al secondo incontro tentai di rimanere indifferente e tenere un tono professionale distaccato, ma mi trovai coinvolto in una improvvisata "Jam Sassion"  dove Marco, con il suo   Saxofono coadiuvato da amici musicisti, dimostrava tutto i suo talento e tutto il suo carattere di grande artista.

Al terzo incontro aveva già vinto lui e così abbiamo cominciato a lavorare assieme, lui con il blues ed io con il mio PC per dare sostanza non a un sogno, ma ad una certezza.

 Giorgio di Passionweb 
Passionweb intervista Marco Vajani il Maestro del blues

Iscriviti al canale per non perdere neanche un video!!!

https://www.youtube.com/watch?v=Sh7LPAIPqH0

Intervista a

Marco Vajani

Un look aggressivamente dark graffiante ma una gentilezza di carattere davvero amabile.
Quale è la vera faccia del
tuo Blues?

Ho sempre sentito il mio Blues come una emozione talmente grande che racchiude tutte le altre, paura, rabbia, felicità,tristezza ecc.. Ma è proprio questo mix emozionale che mi permette di fare uscire i miei sentimenti .

Come nasce il rapporto con il tuo sax ?
La passione per il sax nasce ai tempi delle scuole medie mi piaceva quello strumento tutto dorato con molte chiavi da aprire e chiudere: ancora oggi penso che il suono del sax sia uno dei suoni più emozionanti della musica; così grazie ai miei genitori all’età di 13 anni ottenni il mio primo sax alto e mi portarono dal mio primo maestro di sax L'anno dopo iniziai a studiare chitarra da autodidatta e ancora dopo iniziai a suonare anche l’armonica a bocca (che poi divenne il secondo strumento che porto sempre con me sul palco).
All' eta di 17 anni entrai al conservatorio Paganini di Genova nella
classe di saxofono.

Mi hanno parlato di un ribelle fin dagli anni del conservatorio … Vero ?
(ride prima di rispondere)
Sì assolutamente ! Sono o non sono un Rocker? (ride ancora) …
Diciamo che non ho mai amato la scuola in generale anche quelle tradizionali, e così anche al conservatorio mi sentivo un pesce fuori dall’acqua , giravo per l’istituto scolastico con il chiodo di pelle e con soli abiti neri e organizzavo “Jam sassion” nei fondi del conservatorio ancora oggi i miei ex compagni di scuola ricordano quei momenti …

Ti sentivi incompreso o limitato nel tuo percorso formativo?
Assolutamente si ! non sono mai riuscito ad adattarmi allo stato sociale di chi mi stava in torno nell'ambito del conservatorio , ma nonostante tutto non ho mai messo da parte lo studio, mi allenavo dalle 4 alle 6 ore al giorno (ancora oggi adotto questo stile di vita per non perdere l'allenamento)

A proposito di Jam Sassion ho saputo che sei molto conosciuto per questo tipo di esibizioni , e ho anche saputo che hai una buona squadra di allievi dove insegni sax armonica e improvvisazione ?
Vero! Le mie esibizioni possiedono molte improvvisazioni chiaramente in chiave sempre blues e rock: tutte le mie composizioni possiedono un tema principale scritto su spartito ma gli assoli (non solo i miei anche quelli dei miei collaboratori) sono tutti improvvisati.  Ritengo che il “solo” di un musicista sia un momento di intimità con il pubblico una confessione musicale che dai alla gente che è presente in quel momento non puoi scriverlo prima.
La tecnica dell’improvvisazione è infatti una delle cose più importanti da imparare nella musica, anche ai miei allievi dopo aver insegnato accuratamente le tecniche base per il sax e l’armonica a bocca gli insegno i primi rudimenti dell’improvvisazione perché voglio che si esprimano con la loro “voce” e non è importante quante note riescono a fare per me è importante che entrino dentro ad un fraseggio musicale la tecnica verrà con il tempo ...

Hai già alle spalle 2 lavori discografici di alto profilo ma si sussurra che hai tanti altri progetti in pentola?
La mia testa è un frullatore non si ferma mai (ride) la mia Compagna dice che se non mi fermo impazzirò! (ride di nuovo). Ho molte idee artistiche sono molto soddisfatto per quello che è successo quest’anno: sono entrato in etichetta discografica Hive records con il mio secondo disco "Lone Wolf" venduto su tutte le piattaforme più importanti sul web in tutti i paesi del mondo! Ma guai a fermarsi, in questo periodo sto facendo una serie di concerti proponendo i pezzi classici del mio repertorio e i pezzi del nuovo disco ma allo stesso tempo

Cosa dobbiamo aspettarci in futuro? (Ride) Te l’ho già detto che sono un frullatore di idee… Ho in cantiere di potenziare il mio canale “You tube” per ottimizzare il feeling con il mio pubblico. Stiamo infatti definendo l’idea di una striscia quotidiana dedicata ai grandi interpreti del Blues e del Rock. Una idea che mi affascina e mi attira tanto. Stiamo anche dando forma a un nuovo modo per l’insegnamento del sax e dell’armonica tutto dedicato al mondo social.
Poi naturalmente  sto scrivendo nuovi pezzi in preparazione del nuovo disco che stiamo progettando.

In Conclusione insomma ci dovremmo risentire presto per nuovi aggiornamenti?

Ci puoi contare!

Contatti
PASSIONWEB
Info@passionweb.it 
gl@passionweb.it 
ggll@passionweb.it
Segreteria@passionweb.it

Le interviste di Passionweb: GRANDI ARTISTI e GRANDI PROMESSE - per informazioni gl@eventiamo.it 351.8318538

Contatti
Info@passionweb.it 
gl@passionweb.it 
ggll@passionweb.it
Segreteria@passionweb.it

Contatti
Info@formazioneincorso.it
gl@formazioneincorso.it
alice@formazioneincorso.it
Segreteria@eventiamo.it

Translate »
 

Back To Top

 

Contatti
Info@eventiamo.it 
gl@eventiamo.it
al@eventiamo.it
Segreteria@eventiamo.it

Translate »
Back To Top