skip to Main Content

LE INTERVISTE DI 

<imgsrc=" title="Sergio Cabrera Mendez" />


Il Tenore
Sergio Cabrera Hernández

Nasce a Las Palmas di Gran Canaria (Spagna) e inizia la carriera interpretando ruoli solistici nella Zarzuela (Conde de Luxemburgo, Bohemios , Luisa Fernanda ) e in opere (Manon di Massenet , Madama Butterfly ). E’ scelto per interpretare in prima mondiale un’opera di Carmen Hernandez  “Sinfonia en Cesar” nell’auditorium “Alfredo Kraus” di Las Palmas di Gran Canaria chiudendo la stagione concertistica nel 2004. Segue diversi corsi di perfezionamento di canto con grandi personalità tra i quali Manuel Cid,  Isabel Rey , Marcello Lippi, Alberto Paloscia,Sonia Prina avendo l’oportunità di debuttare alcuni ruoli come “Leandro” dal Duello comico di Paisiello.

I suoi prossimi impegni saranno: concerti in Francia con L’ensemble “Musica Antica” diretta dal M° Christian Mendoze, concerti in Italia con l’Ensemble “ Il Cimento Armonico” diretta dal Maestro Fabrizio Migliorino con progammi monograafici inerenti alla scuola barocca Napoletana,  il debutto del ruolodi“Grimoaldo” da “La Rodelinda” di Haendel in Polonia.
ILe interviste di Passionweb - Giorgio di Passionweb
 

 


CAMPAGNE SPECIALI PER PERSONE DAVVERO SPECIALI
QUALUNQUE SIA LA TUA PASSIONE NOI TI
POSSIAMO AIUTARE


SITI SPECIALI PER PERSONE DAVVERO SPECIALI
QUALUNQUE SIA LA TUA PASSIONE NOI TI
POSSIAMO AIUTARE

Se sei interessato ad una nostra Intervista compila il modulo a sinistra o contattaci alla email gl@passionweb.it

"IL TENORE"

SERGIO CABRERA HERNANDEZ

Tenore leggero

L'Intervista

a

SERGIO CABRERA HERNANDEZ

 

Siamo oggi insieme al tenore spagnolo  Sergio Cabrera Hernandez che ringraziamo per la sua disponibilità. Noi di Passionweb ci occupiamo principalmente delle grandi Passioni. Se si volta indietro quale è stata la “Molla” che le ha fatto intraprendere il percorso della Lirica e le persone che l’hanno aiutata a diventare un grande interprete della Lirica?
Già dalla mia nascita ascoltavo musica dalla voce della mia zia materna che è stata una cantante famosa e importante nel panorama musicale del arcipelago Canario , che insieme ad altri tre fratelli della mia mamma  avevano creato un gruppo musicale e portavano la musica della mia isola ,Gran Canaria con differenti stili per il resto della Spagna anche in Europa. La mia passione per la musica e il canto cresceva, studiando musica in conservatorio e facendo parte poi anche io di spettacoli di diversa indole personal tutto il mio arcipelago ...ma io volevo di più ..non mi bastavano i minuti che poteva durare una canzone o un spettacolo. .volevo costruire e dare la mia impronta personale a un personaggio ... è stato  questo che mi ha fatto avvicinare  alla Zarzuela prima e poi all'opera.

 Di tutti i ruoli che ha interpretato nella sua carriera quale è quello che non può dimenticare? 
Tutti i ruoli interpretati nel percorso artistico hanno la sua importanza.Bisogna capire se è momento di debuttare nel momento proposto  o meno poiché ci sono ruoli che per complessità tecnica e interpretativa è meglio affrontarli con più età ed è compito del cantante insieme ai suoi maestri di tecnica e repertorio dire no e affrontarli più in là. Ci sono compositori che per scrittura musicale sono più consoni che altri a ogniuno di noi...nel mio caso è Haendel...con il ruolo di "Oronte" o"Acis" dalle opere "Alcina" e "Acis and Galatea" rispettivamente sono quelli che per linea di canto , carattere del personaggio e sensibilità  più mi hanno colpito.

Ha menzionato a Haendel un compositore poco comune nei Teatri Italiani....nello specifico in che tipo di repertorio si ha specializzato e qualificato sono stati le  basi per quella scelta?
Mi sono specializzato nel repertorio Barocco che comprende da Monteverdi Cavalli etc fino a Haendel, Vivaldi alcune opere Mozartiane( soprattutto le opere giovanili) e arrivando al 700 come Pergolesi, Galuppi , Cimarosa finendo nelle prime farse di Rossini. La scelta di questo repertorio è in base alla vocalità. Per natura ho una voce agile e con facilità per la coloratura e  il repertorio di agilità. La scelta del repertorio è molto importante perché deve assecondare la natura del cantante per poter mantenere così la sua vice fresca e cantare più a lungo possibile. Sono consapevole che il repertorio che posso affrontare non è diciamo il più richiesto in questi ultimi tempi nei teatri e festival a livello mondiale e che non si lavora tanto come il repertorio Verdiano o Pucciniano ma spero che questa situazione possa cambiare in un futuro non molto lontano.

Dai primi spettacoli ai grandi teatri oggi si sente realizzato? 
Come ho detto poc'anzi tutti i ruoli hanno la sua importanza sia in recita che in concerto e ogni volta che possiamo mettere i piedi su un palco scenico è una benedizione e dobbiamo ringraziare e sentirci realizzati sempre. Ci saranno ruoli che ancora sono lì aspettando a essere debuttati o che piacerebbe cantare ma sei consapevole che per vocalità non lo potrai affrontare mai. 

Se dovesse incontrare un cantante che vuole incominciare oggi che consigli sente di dare? 
È molto difficili dare consigli...potrei unicamente dire che questo è un mestiere molto difficile, ci vuole una disciplina di studio e di vita,  e che se è veramente quello che ha nel cuore e nel anima, crederci fino in fondo è provarci...con umiltà e tenacia.

Ringraziamo davvero per questa intervista e speriamo che possa essere stata utile a tutti i ragazzi che si avvicinino alla Lirica
Grazie a Passionweb

Le Interviste di Passionweb - Intervista di Giorgio di Passionweb

MEDIA GALLERY

VIDEO GALLERY

Le interviste di Passionweb – Sergio Cabrera Hernández

Translate »
Back To Top